come-non-venire-subito

Come non venire subito a letto

 

Tu chiamale se vuoi emozioni

Eppure dietro questa sensazione di gioia infinita nel vedere una donna, in particolar modo, quando parliamo di una donna che stiamo per portarci a letto, si nasconde la tristezza di non poterla soddisfare sotto il profilo sessuale. Ti scervelli nel tentativo di capire il perchè vieni subito quando fai l’amore, ma non riesci a darti una spiegazione valida o comunque un rimedio definitivo che ti renda sicuro che appagherai la tua ragazza quando vai con lei a letto. Non serve chiedere a yahoo o ad altri forum le cause che ti rendono così emotivo e fragile quando fai sesso. Una cosa è provare infatti emozioni d’affetto verso un’altra persona, altro è essere così facilmente emozionabili da eiaculare non appena ci si ritrova con una parter che ci sfiora appena un po’ il nostro fallo. Cerchiamo di capire quali sono le cose che ci fanno emozionare e che rendono più vulnerabili sul piano psicologico, al punto da non riuscire minimamente a trattenere il seme quando ci apprestiamo ad avere un rapporto completo.

Le cause di tanto emozionarsi sono il più delle volte queste:

si è ancora acerbi sul piano sessuale, abbiamo bisogno di esperienza prima di avere delle prestazioni da macho, come siamo abituati a vedere nei film porno. In questo caso il consiglio è di fare prima esperienza con delle ragazze anche un po’ bruttine, ma meno esigenti dal punto di vista delle performance d’amore. In questo modo avremo la mente più sgombra e meno ragioni per emozionarci ed essere già sconsolati perchè temiamo di deludere la partner. Una volta acquisita la giusta dimestichezza con l’atto sessuale, potremo mirare più in alto e ricercare ragazze più carine, che “lo fanno indurire di più”, ma che ora sapremo come affrontare. Un sintomo tipico dei ragazzi che si trovano in questa condizione sono le polluzioni notturne involontarie.

  • Si è timidi e poco socievoli. Chiuderci in sé stessi non fa mai bene. Meno relazioni avrete con persone dell’altro sesso, meno possibilità avrete di capire come non venire precocemente. Lanciatevi nella vita, non abbiate sempre paura degli altri e del loro giudizio. Prima di arrivare al “pisello”, il sangue passa sempre dal cervello, pertanto insegnamogli come si affrontano certe situazioni, prima ancora di crearci dei mulini a vento o dei falsi miti sulla virilità. Il modo migliore è imparare a masturbarsi in maniera intelligente, associando il piacere del sesso fai da te, al giusto allenamento per non venire mai. Esistono esercizi manuali che possiamo praticare senza timori referenziali e la terribile sensazione di non essere all’altezza della ragazza con cui abbiamo una relazione intima. Altro rimedio per uscire da questo stato e scoprire come venire più lentamente è quello di essere disinvolti con le ragazze e non usare lo stesso approccio che utilizzate nelle chat d’incontri, perchè stiamo parlando della realtà ed è in un contesto reale che dovete combattere l’eiaculazione precoce.
  • Esperienza traumatica con una donna troppo forte e volitiva. Se siete stati lasciati perchè venivate presto o perchè si è diffusa tra le ragazze la notizia che siete dei pessimi amanti, non disperate. Sarà sufficiente imparare come fare a non venire subito e portarsi a letto la ragazza più chiaccherona per rimediare alla vostra immagine di uomo. Siate un po’ orgogliosi e non lasciate che delle donne cattive infanghino la tua reputazione di buon amante e concentratevi per imparare ad applicare il metodo Dogovich nella vostra vita privata.

La soluzione in un taschino

Forse non tutti sanno che il piccolissimo taschino che troviamo nei jeans è stato creato per ospitare inizialmente un preservativo. L’utilizzo del condom come anticoncezionale, può rivelarsi molto pratico per risolvere, oltre il problema di gravidanze indesiderate, anche quello dell’eiaculazione anticipata. Avere uno strato in più sul glande significa dare meno sensibilità in quell’area e quindi impedir al seme di risalire i vasi deferenti e fuoriuscire dalla fessura presente sul glande, in corrispondenza della fine dell’uretra. In commercio esistono dei profilattici speciali, creati per aiutare i soggetti che hanno disturbi eiaculatori a posticipare il momento dell’orgasmo maschile, senza per questo togliere piacere al rapporto. Quello che per molti maschietti, con una capacità di controllare l’uscita dello sperma, viene considerato un ostacolo al piacere del sesso, per coloro i quali hanno difficoltà di contenimento del liquido spermatico può divenire una manna dal cielo ed un metodo per sentirsi più prestanti a letto. Apprendere come non venire subito senza preservativo è più difficile, ma se scatta la “molla della volontà” nella testa dell’uomo, nulla è impossibile. E’ il nostro cervello il più grande eccitante e sarà sempre la nostra mente a gestire pazientemente le nostre emozioni.

L’aiuto della partner

Nel percorso che intraprenderà l’uomo che non vuole eiaculare subito è estremamente importante il ruolo della donna o comunque del partner. Ogni buona relazione tra 2 persone è fondata sulla complicità di buoni amanti ed è per questo che sarà interesse anche della ragazza con cui si ha un rapporto d’amore, scoprire come non farlo venire subito. Si tratta di un bisogno che nasce quando una ragazza è intenzionata ad avere una storia d’amore (o di sesso) più duratura e pensa che l’ejaculatio praecox possa compromettere questo sogno. La necessità di sostenere psicologicamente il proprio fidanzato può nascere anche dal fatto di sentirsi responsabile di questa situazione ed interessarsi in prima persona nella ricerca di una soluzione pratica. Una brava partner non è soltanto colei che non tradisce il proprio uomo, ma anche la persona lungimirante che vuole creare le basi di un rapporto stabile e ama il proprio fidanzato al punto da cercare informazioni sul web e rivolgersi a specialisti, come il dottor Lombardi, che le spieghino come non far venire subito un uomo. Ogni donna può aiutare l’uomo, perchè vivere i rapporti con la consapevolezza di fare un allenamento di resistenza è molto più facile che ripetere da soli ed aspettare l’occasione buona per mettere a frutto gli esercizi per non venire mai subito. Magari non sarà la ragazza con cui proveremo la mitica “prima volta” ad aiutarci a vincere questa sfida, ma una ragazza più grande di noi o con più esperienza, se ci vuole davvero bene, non ci può lasciare da soli con i nostri demoni nella testa e il seme già fuori dal glande. Il consiglio è di parlarne apertamente con la vostra compagna se volete avere una storia d’amore più lunga con lei o se volete investire in questo amore. Rimanere in silenzio non servirà a nulla e ritarderete solo la soluzione del problema e non l’uscita dello sperma.
Superate gli imbarazzi e siate sinceri con chi vi vuole bene sul serio. Se lei non capisce o non vuole perdere tempo ad aiutarvi, state certi che non si tratta della ragazza giusta per voi. Se invece vorrà che proviate profilattici ritardanti o posizioni meno eccitanti, allora significa che è la persona speciale che tanto cercavate.

Problema personale

La maggior parte degli uomini però nasconde i propri fantasmi dietro una tastiera e non accetta il fatto di parlare apertamente di questa incapacità di eiaculare lentamente, ne con la ragazza con cui sta avendo un’avventura d’amore, ne con un dottore urologo. Rinchiudersi nel proprio guscio non migliorerà la situazione e ci renderà sempre più vulnerabili sul piano emozionale. Se utilizzare yahoo answer per capire come non sburrare subito può dare un contributo iniziale importante, è vero che solo un metodo sistematico e continuativo ci allenerà a tal punto da farci recuperare le capacità di buoni amanti. Non dobbiamo arrivare all’esagerazione come fanno i cinesi e gli gnostici, quando sostengono che disperdere il seme significa perdere la propria energia, ma capire che se loro possono avere un rapporto senza mai venire, possiamo farlo anche noi, senza condizionamenti religiosi o politici. La politica del figlio unico ha creato nel continente asiatico una strana concezione del sesso, tra cui una folta cerchia di persone che hanno imparato come mantenere un autocontrollo tale durante il rapporto, da non avere bisogno del preservativo per fare l’amore senza rischiare di avere figli, perchè capaci di limitarsi all’atto fisico, senza per questo eiaculare.

Paure

Spesso la causa della problematica nasce dal consumo eccessivo di film pornografici. La visione di uomini iperdotati e così bravi a soddisfare per un tempo così lungo la propria donna, fa nascere in noi complessi e paure irrazionali. Non riusciamo a valutare con senso critico quello che accade nel cinema porno e pensare che si tratta di scene montate e di attori che usano molte volte delle pillole per aver erezioni così lunghe, mentre la maggior parte delle persone può raggiungere con il metodo Dogovich le stesse prestazioni, ma in modo naturale. Le performance di chi fa sesso per professione saranno necessariamente migliori, se non altro perchè si tratta di soggetti che hanno un’esperienza grandissima in quel campo, al punto da aver trasformato il piacere di scopare in un mestiere vero e proprio. Non abbiate terrore del sesso, perchè anche voi, con i giusti esercizi e una maggiore stima nei nostri confronti, diverrete dei fenomeni del sesso e non avrete più nulla da invidiare a persone drogate di sesso e schiave di stimolanti o diete farmacologiche per durare più ore a letto. Ora che sapete come fanno i pornostar a non venire subito, meglio rimboccarsi le maniche e fare pratica con gli esercizi pelvici, necessari per rafforzare l’apparato ed essere più maschi.

Anche l’intelletto conta a letto

Anche se gli intellettuali difficilmente si interrogheranno su come fare per non venire subito durante un rapporto, in realtà tutti noi, anche chi dura più di 5 minuti, vorrebbe allungare il tempo del rapporto. L’aspetto mentale del lavoro intrapreso da Dogovich è essenziale per avere un risultato nel lungo periodo, anche per coloro che soltanto a 40 anni hanno deciso di mettere la parola fine davanti all’eiaculazione precocissima. Anche se si considera tale problematica, un fenomeno tipico dei ragazzini, se non si cura in tempo, è possibile che si trascini la questione sino all’età adulta, con tutte le conseguenze negative che vi possono generare.

Non esistono infatti solo adolescenti con i brufoli che utilizzano emoticons e slang da millennium, che fanno ricerche tipo “come fare x non venire subito”. Ci sono anche molti adulti, anche sposati, che, non avendo fronteggiato per tempo questo male, continuano a venire subito, anche in età adulta.

La giusta durata di un rapporto sessuale

Non esiste un tempo ideale che dovrebbe descrivere quanto bisogna fare l’amore. Ogni ragazza ha le sue necessità, ci sono quelle che raggiungono facilmente l’orgasmo ed altre con cui bisogna “faticare di più”, avendo il punto g più nascosto o difficoltà anatomiche che possono essere superate solo conoscendo il kamasutra e le migliori posizione per farle godere. Allo stesso modo di come non esiste una lunghezza ideale del pene, visto che alcune donne vengono anche con mini vibratori di qualche centimetro o le classiche palline vaginali o cinesi, che dir si voglia. Bisognerebbe far durare un rapporto sessuale il tempo necessario perchè entrambi i partner raggiungano un amplesso. Ovvio che, ammosciandosi il fallo ad eiaculazione avvenuta, è buona regola prima concentrarsi per far venire la donna e dopo concentrarsi per provare il proprio piacere. Questo generalmente non accade se non si sa come non venire ed è per questo che è un dovere di ogni uomo imparare a controllarla per rendere soddisfacente l’atto di fare sesso. Il minimo per essere considerati degli uomini sufficientemente abili a letto dovrebbe essere di 7-10 minuti, ma non è affatto raro, per chi impara a governare il proprio pene, protrarre un rapporto anche per oltre un’ora, senza perdere mai l’erezione.

Non dire più “sborro subito”, ma inizia subito a non venire, chiedendo direttamente al dottor Lombardi i trucchi per rallentare l’orgasmo ed essere più felici.

You may also like

Leave a comment